domenica 24 gennaio 2010

Una serata tranquilla...



Una serata assolutamente tranquilla, a cena a casa di un mio amico, si è improvvisamente trasformata, in un luogo di dibattito generale. Si parla dei problemi che affliggono l'Italia, dalla cattiva gestione dello Stato, alle poche prospettive di un buon futuro per i giovani, alla meritocrazia ormai in via d'estinzione. Cambio la prospettiva e mi appare chiaro come ben due generazioni differenti siano scese in campo facendo valere la propria situazione e i rispettivi disagi. 'Spunto per un nuovo articolo!' penso e in breve eccomi qui, a casa mia, davanti al mio famigerato pc, che apro i cancelli al flusso dei miei pensieri. Oltre ai classici ragionamenti che si sono fatti, circa il continuo "magna magna" che striscia nella classe dirigente del Paese, circa le continue e sempre maggiori ristrettezze economiche, mi giunge chiaro il forte senso d'indignazione, di schifo direi, che ciascuno di noi, posizionato in cerchio, prova. Se noi giovani ci sentiamo inermi e molte volte sfiniti, circa le aspettative della nostra vita, assicuro che ritrovarsi di fronte gente grande che è altrettanto preoccupata...fa drizzare i capelli! Come magra consolazione, si può dire che questa situazione può essere considerata l'unico ponte che unisce varie generazioni, che le spinge a un dialogo, a un confronto! Ma alla fine di tutte queste parole, cosa resta?

Resta che la maggior parte delle famiglie italiane stenta ad arrivare a fine mese; resta che la brava gente che giornalmente lavora, non viene tutelata sul posto di lavoro, per il lavoro che fa e per la qualità, con la quale si dedica a quel lavoro! Resta che noi giovani restiamo in casa fino ai trent'anni, per mancanza d'indipendenza, perchè gli affitti costano cari, perchè il lavoro è sporadico e poco retribuitivo; resta che le generazioni dopo le nostre si lasciano abbindolare dalla televisione, dalle prospettive "facili" che questa offre e ci sradichiamo da terra; resta che mettiamo i nostri sogni e i nostri profondi desideri, sui quali magari si dovrebbe investire di più, da parte, nell'angolo dell' "appena c'ho tempo, lo faccio" e alla fine si sa...non si fa mai niente.
Ma d'altro canto penso anche: Perchè non se damo na svejata?!
Mi spiego.
Ok il ragionare su queste cose e il dire: 'Si,l'Italia va a rotoli; i politici so tutti una vergogna; ci sono pochi soldi; decadono i valori; non c'è più religione etc etc etc...' Ma di fronte a tutta questa caciara, perchè non ci rimbocchiamo le maniche e damo na sgrullata a sto Paese vecchio e fatto de vecchi?!
Vecchio e popolato da vecchi inteso come arrugginito, come poco elastico e flessibile....poco fluido! Facciamo grandi dibatitti sulle vite private dei grandi personaggi del Paese, perchè questo ce li fa apparire più umani, più inclini all'errore quanto lo siamo noi, più umani e poi permettiamo che si facciano tagli all'istruzione. Lasciamo che certi campi, come la moda, avvelenino le nostre menti inducendoci a pensare di essere sbagliati...ma sbagliati per chi???!!!Abbiamo imparato a rendere 'normale' un malfunzionamento di qualsiasi genere, dagli stipendi che arrivano in ritardo ( o che proprio non arrivano), ai mezzi di trasporto inadeguati per una grande metropoli, alla dilagante insensibilità che pare non conoscere ostacoli.
Propongo di azzerare tutto, ma di azzerarlo in noi stessi! Di fare un bel backup, di metterci in 'Pausa' o addirittura 'Stop'( che forse sarebbe la cosa migliore), come preferite! E di porre delle priorità che esulino, almeno per questo momento, dalle normali priorità. Cominciamo a vedere cosa diavolo vogliamo fare della nostra preziosa esistenza, cominciamo a dargli valore!Il dare valore a una cosa, non è come bere un bicchier d'acqua!Maggiormente se si tratta di una cosa importante quanto l'esistenza umana; è un rapporto direttamente proporzionale!Occorre impegno, concentrazione , apertura mentale, volontà; primariamente volontà! Senza di questa continueremo a parlare e a riparlare sempre degli stessi argomenti e sempre quel fastidioso senso d'indignazione continuerà a salire e salirà fino al punto da farci soffocare!
Non lasciamoci travolgere dalla melma, che come il terribile Blob pare attanagliarci e sovrastarci! Impariamo a vedere altro nel mondo, nei modi di vivere e di vedere la vita; rendiamoci più leggeri! Se ci alleggeriamo da tutto il pesante bagaglio che ci tiene ancorati qui, potremmo vivere la nostra vita sicuramente meglio! Cerchiamo di ritrovare l'energia vitale, quel battito che si sente solo al mattino, quando tutto tace! Il silenzio che regna spesso in noi è lo stesso che ci ha generato: fa parte dell'Universo stesso!
Questo è molto più di un invito; è una preghiera...una preghiera che silenziosamente invio a tutto il mondo; una preghiera che spero giunga fino al centro della Terra e che dia una nuova spinta positiva a tutti noi.

domenica 10 gennaio 2010

La Principessa e il Ranocchio!

Semplicemente divino,cavvi!!Dovete andare ASSOLUTAMENTE a vederlo!A mio parere, questo nuovo successo della Disney merita ben 5 stelline!La famosa storia del principe ranocchio, che può essere salvato solo dal bacio del vero amore viene qui ripresa alla grande. La principessa stavolta è un'umile ragazza del Mississippi, di nome Tiana, che sogna sin da piccola, di aprire un ristorante col padre. La madre di Tiana lavora come sarta in casa di un ricco signore, quest'ultimo ha una figlia, Charlotte che è grande amica di Tiana. Una sera, la madre di Tiana racconta alle bambine la favola del principe ranocchio e del bacio che può liberarlo e mentre Charlotte comincia a fantasticare sul suo ipotetico principe affermando che, pur di diventare principessa bacierebbe 100 ranocchi, Tiana inorridisce all'idea e immagina il suo ristorante. Gli anni passano e il padre di Tiana muore prima di veder realizzato il sogno, ma Tiana non si da per vinta e lavorando a più non posso riesce a racimolare la cifra necessaria, per comprare un locale dove aprire il futuro ristorante. Nel frattempo, in città arriva il carismatico principe Naveen , in cerca di pupe e jazz, accompagnato dal suo frustrato valletto Lawrence e appena la notizia giunge alle orecchie di Charlotte, la ragazza comincia a fantasicare sul fatto che potrebbe essere proprio Naveen il suo principe e conta di poterlo sedurre al ballo in maschera, che si terrà a casa sua, villa La Bouffe. Naveen però avvicinato dal Dr. Facilier , mago vodoo viene trasformato in ranocchio e le sue sembianze vengono prese da Lawrece. Il progetto del mago è quello di far sposare il finto Naveen con Charlotte per ereditarne cosi il denaro. La sera del ballo, a villa La Bouffe, Tiana serve dei bignè quando riceve la visita degli agenti immobiliari, che la informano che il locale che le interessa sarà presto venduto da un miglior offerente, se entro una certa data lei non porterà più denaro. Arrabbiata e addolorata, Tiana si sfoga con l'amica Charlotte, che per tirarla su la incita a mettersi un abito per la festa e andare a divertirsi. Tiana, sola sul davanzale prega la buona Stella della Sera che le porti fortuna e un attimo dopo ecco comparire Naveen, nelle sembianze di ranocchio. Il principe racconta a Tiana della sua disavventura e la prega di baciarlo per spezzare l'incantesimo. Dopo vari tentennamenti e scombussolamenti di stomaco, da parte di Tiana, la ragazza accetta e lo bacia, ma anzichè liberare Naveen viene anch'essa trasformata in rana. I due vengono poi catapultati nella palude, dove incontreranno tanti amici, come Louis, l'alligatore che sogna di suonare con i grandi del jazz e Ray, la lucciola innamorata della Stella della Sera, da lui chiamata Evangeline. Tutti insieme andranno alla ricerca di Mamma Odie, la maga che può spezzare l'incantesimo, ma il Dr. Facilier, informato dal suo ormai "schiavetto" Lawrence prepara un piano B e allora molte altre saranno le avventure!
Il grande di questo nuovo capolavoro è che i disegni sono come quelli dei vecchi classici, cosa che, per chi detesta questi nuovi disegni, cosi plastificati, privi di vita, troppo perfetti per essere finzione è un'ottima cosa!E poi le musiche...cosi TRAVOLGENTI!Un nuovo successo per tutta la famiglia che farà sicuramente innamorare molti di voi!Un invito quindi aperto a tutti, da cogliere al volo il più presto possibile!