mercoledì 5 dicembre 2012

BEETLEJUICE - SPIRITELLO PORCELLO


Si sono appena sposati hanno una bella casa in cima ad una collina e fantasticano in una sua ristrutturazione quando ... splash!
La loro macchina va fuori strana cercando di evitare un cane e finiscono morti annegati.
Ma cosa succede? Si ritrovano magicamente nella loro amata casa e compaiono strani volumi guida sui fantasmi!

La coppia Adam e Barbara sono ora fantasmi infestanti della loro stessa casa, che si vedono mettere subito in vendita e comprata dalla bislacca famiglia Deetz.
Nessuno li può vedere ne sentire, nessuno eccetto la figlia dei nuovi inquilini, Lydia che diventa subito amica dei fantasmi.

Nell'imparare la vita da fantasmi però, Adam e Barbara continuano a desiderare quella casa e vogliono mandare via gli inquilini, cosi finiscono per rivolgersi al cialtrone dell'altro mondo: Beetlejuice.
Uno scurrile e malizioso spiritello che ""aiuta"" i fantasmi ad infestare come si deve, purtroppo però per Adam e Barbara, Beetlejuice non lavora onestamente.



Diretto da Tim Burton, Beetlejuice - Spiritello porcello ha esattamente la mia età (del 1988) ma nonostante il quasi mezzo secolo, conquista ancora per originalità e per quel gusto tipicamente burtoniano di horror- fantasy.
Ritenuto oggi un cult della commedia ha ricevuto nel 1989 l'Oscar per il miglior trucco.

Cosa aggiungere?
Personalmente l'ho trovato si originale e si divertente, ma non da sbellicarsi insomma.
Contestualizzandolo gli riconosco il successo che ha di fatto ottenuto e molto è dovuto all'interpretazione di Michael Keaton in Beetlejuice, folle e greve come pochi sanno essere.
Nel cast principalmente formato da Geena Davis e Alec Baldwin figurano anche l'onnipresente Whinona Ryder e Catherine O'Hara.
Carino e piacevole, ma a mio parere non esilarante.

Crazy Stupid Love


Crazy Stupid Love - Pazzo Stupido Amore è la commedia americana diretta da Glenn Ficarra uscita lo scorso 2011.
Più situazioni:

  • una coppia in procinto di divorzio, 
  • il figlio più piccolo di questa innamorato perdutamente della sua baby sitter 
  • la baby sitter innamorata del papà del bambino  
  • un latin lover che macina ogni sera conquiste su conquiste e
  • una giovane neo laureata che si affaccia alla vita.
Chi scatena la reazione a catena che finisce per coinvolgere tutti questi personaggi (e molti altri)?
Lei, Emily, moglie di Call, che avendo tradito il marito dopo più di vent'anni di matrimonio oramai diventato monotono e noioso, gli chiede improvvisamente il divorzio.
Call perde d'improvviso tutto, la casa che aveva comprato con anni di sacrificio, i figli che vede sempre meno, la sua regolarità di vita. 
Call finisce nella tipica depressione post separazione e inizia a frequentare un locale dove più sere di fila incontra il belloccio, Jacob, che si offre a Call come maestro di seduzione.



Diciamo che il fulcro del film è questo, ma contemporaneamente, come un eco, anche nelle altri situazioni ci saranno divertenti sviluppi.

Protagonista l'ormai celebre Steve Carell che grazie alla sua faccia da eterno sfigato si accomoda senza problemi nella parte di Call. Ad accompagnarlo il super sexy che sembra 'ritoccato con photoshop' (cit.) Ryan Gosling e ancora Julianne Moore in Emily e la comparsa di Kevin Bacon in un ruolo non proprio piccolo.
Tutti i personaggi entrano ed escono con un ritmo avvincente nell'intreccio inter relazionale che li lega, con battute e situazioni spassose che ti fanno passare piacevolmente una serata.

Assolutamente da vedere!