sabato 20 febbraio 2010

Social Network:autismo sociale o potere salvifico?




Giorni fa riflettevo con un'amica su FB.
Quali effetti provocheranno, queste nuove forme di comunicazione, quali appunto FB, ma anche Messenger, nelle persone?
Due opzioni: autismo sociale o potere salvifico?
E' indiscussa l'utilità di questi programmi, ma quanto ci atrofizzano i sensi? Quanta voglia abbiamo poi, una volta chiusa la pagina di FB di chiamare un amico, vedersi e parlare REALMENTE? Di andare incontro all'ipotesi di uno scontro creatosi per opinioni diverse? Di provare emozioni fisiche? Di risentire impulsi che oggi possono essere ritenuti scandalosamente eccessivi?
Viviamo inconsciamente (o consciamente) nell'Era del Contegno, della Repressione di quanto si sente e si pensa. Non pensiamo, che tutto quel parlare chiaro e diretto delle radio, tutto quel dimostrare continuo in maniera sfacciata e spregiudicata della televisione siano l'esempio, che quanto sto dicendo è in realtà l'opposto, perchè non credo sia cosi! Credo che abbiamo cominciato ad usare QUESTO modo di fare per proteggerci da quanto CAOS in realtà c'è dentro di noi e di quanta PAURA abbiamo di ENTRARE dentro a quel caos e di VIVERCELO pienamente. Prima dei social network, l'uomo quando provava paura tremava; quando era felice rideva, saltava e gridava; quando aveva dei dubbi ci si allambiccava il cervello e quando era innamorato, lo dimostrava. Ora usiamo espressioni tipo " Brrrr" per esprimere paura; faccine chiamate 'smiles' " =) " per esprimere gioia; "Mmm" per il dubbio e creiamo un cuore con due tasti "<3">

...Voglia di Poesia....2


Sono un'anima dannata.
Un'anima condannata;
un'anima punita per chissà quale danno
commesso in una vita passata.

Perennemente divisa,
un ossimoro vivente.

Sento sempre dolore,
manifesto sempre gioia.

Due me che si strappano la pelle a vicenda.
-Renèe-.




...Voglia di Poesia...


Lupo
Lupo...
Lupo rapace e sensibile;
lupo cacciatore e amante;
lupo intrigante cantante.

Sono la tua Luna;
la tua pallida Luna che
ogni notte ti veglia.

Nelle tue scappatelle e
negli amori,
nei canti alle altre
e in quei canti malinconici
che cosi mi dedichi.
-Renèe-.

mercoledì 17 febbraio 2010


Abbiamo letto di questo film ogni singola curiosità;
dalle tecniche usate per realizzarlo, al "Gossip" sul genio del regista James Cameron. Non ripeterò le stesse notizie sviscerate continuamente dai giornali, dalle radio, dalla televisione......"Che noia, che barba, che noia!". Commenti??Opinioni?
Personalmente ritengo che, fatta eccezione della trama...non è poi malaccio!E per chi mi conosce sa che questo mio giudizio approssimativo è un pò troppo...ehm...approssimativo!
Beh...diciamocelo...la trama è molto simile a Tarzan, Pocahontas e a tutti quei film dove, "L'uomo brutto e cattivo parte e nascondendosi dietro una maschera da buon visitatore, trama in realtà, la conquista e la distruzione della Natura"! Di certo però, c'è da dire che, buona parte del successo è dovuto all'enorme pazienza e all'acume che ha dimostrato d'avere il regista!Insomma...non tutti aspetterebbero 10 anni per mettere su un film!Ha avuto la pazienza tibetana e la fiducia anche, di attendere fino a che le tecniche digitali non fossero maturate sufficientemente per poter creare un'opera, che sarebbe rimasta impressa poi a tutti. E si sa...James Cameron non è certo il tipo da "un filmetto e via"!Lui fa le cose solo se in grande, da buon americano e certamente tutti noi ricordiamo il colossal Titanic; film per cui il regista ha vinto premi Oscar di ogni tipo, guadagnato vagonate di dollari ed è stato annoverato tra i registi più dotati degli ultimi tempi. Basti pensare che Titanic e Avatar sono il primo e il secondo film che hanno avuto i maggiori incassi della storia del cinema! 1,5 miliardi di dollari negli USA e altri 3,68 miliardi nel resto del mondo. Insomma, cifre da capogiro! Ovviamente oltre a questi ultimi grandi successi, James Cameron vanta nel suo curriculum, la realizzazione di film come: Terminator e Terminator 2, Aliens e il comicissimo True Lies.
Il mio occhio ha colto un certo debole del regista per donne mascoline,come appunto Sigourney Weaver e Jamie Lee Curtis( anche perchè magari i suoi film non sono ambientati in un campo fiorito,ma sono abbastanza "sportivi") e Arnold Schwarzenegger usato ben due volte, sia in Terminator, sia in True Lies. Forse questo influisce nell'originalità dello stile di Cameron?La fedeltà a certi attori è sicuramente molto apprezzata, sopratutto da quei fans che sanno sempre in chi immedesimarsi.
Certamente il valore economico attribuito a James Cameron e ai suoi film è meritato,ma vorrei evidenziare anche un altro fattore; un fattore che, a primo impatto, potrebbe essere definito scontato: certi nuovi temi trattati. Forse in pochi avranno fatto le mie stesse associazioni, ma ai miei occhi sono risultate lampanti, sicuramente dovute a precedenti esperienze personali. La Natura e la sua salvaguardia sono state trattate stavolta in maniera inusuale. Sono stati affrontati temi come l'Energia, il suo uso, il costante e famelico bisogno che noi esseri umani nutriamo per essa e l'altrettanto costante desiderio di poterne trovare di più, sempre di più. Mi è rimasto impresso a fuoco nella mente, il senso di una battuta recitata verso la fine, dalla Dtt.ssa Grace Augustine (Sigourney Weaver) che fa più o meno cosi:'Pensavamo che l'Energia di cui avevamo bisogno fosse nel sottosuolo...invece è tutta intorno a noi!'. In questa frase, ci sono molti riferimenti al Reiki, un'importante terapia di guarigione orientale, molto in voga negli ultimi anni; al concetto di Matrix divina che ritroviamo nel bestseller mondiale omonimo, di Gregg Braden e l'importantissimo invito, che per me rappresenta un'importante chiave di lettura dell'intero film, dell'unione dell'umanità a livelli più sottili di quello materiale, per il conseguimento di obiettivi unici. In quest'Era dove la comunicazione virtuale prende il sopravvento su quella reale; dove le relazioni sono anch'esse virtuali, fittizie; dove il contatto fisico e umano viene schiacciato dai tasti di una tastiera, credo sia fondamentale riportare l'intera umanità a una consapevolezza più intima e allo stesso tempo, più collettiva. Un piccolo esempio, di ciò di cui sto parlando lo troviamo nella scena dove, la popolazione dei Na'vi riunita attorno all'Albero delle anime tenta di riportare in vita la Dott.ssa Augustine. Un'intera popolazione seduta a terra, come tanti indiani, che si tiene per mano, in pieno contatto fisico con la Terra; Terra che dona loro l'Energia di cui tanto hanno bisogno; Energia che non viene solamente consumata, ma riciclata, continuamente e incessantemente, nel famoso circolo della Vita. Un' Energia che non opera per Magia, bensì per un legame biochimico che lega ogni radice a ogni altra radice e a ogni albero, simile alla sinapsi; un legame che REALMENTE esiste e che non è solo fantascienza. Di questi temi se ne parla sempre di più e in ogni salsa...QUANDO COMPRENDEREMO?